Come usare gli hashtag sui social network

Quanti hashtag vedete ogni giorno? Corredano tweet, status su Facebook, fotografie su Instagram e a volte – in maniera goliardica – i messaggini che ci scambiamo su WhatsApp. Siete davvero sicuri di utilizzarli al meglio? Per capirne di più, iniziamo dalla definizione di hashtag:

Hashtag: (Internet) in alcuni social network, parola o frase preceduta dal simbolo cancelletto (#), che permette di contrassegnare i messaggi con una parola chiave utile a classificarli, rendendoli facilmente reperibili agli utenti interessati all’argomento.

Riassumendo quindi, gli hashtag hanno una funzione di parole chiave, con cui indicizzare quanto viene scritto nei social network.

Quali sono le regole per ogni diverso social?

TWITTER

Questo social network è stato uno dei primi ad utilizzare gli hashtag. Il loro uso, secondo Twitter stesso, ha effetti positivi in termini di engagement, sia per i singoli utenti, sia per i brand. Attenzione però: mai usarne troppi.

I tweet con uno o due hashtag (non di più) raggiungono solitamente il 55% in più di retweet #smm 

Le diverse ricerche hanno rilevato come l’engagement maggiore fosse da imputare ai maggiori spazi cliccabili all’interno di un tweet: il potere della call-to-action! Per sfruttare al meglio gli hashtag abbinateli quindi alle mention, stando sempre attenti a non incappare in spam gratuito: la netiquette è sempre importante.

FACEBOOK

In questo caso l’uso di hashtag trova opinioni discordanti: l’idea generale è però che al momento non portino alcun beneficio, se non a livello di branding. Volete rendere più ricordabile l’hashtag che utilizzate su Twitter e Instagram? Riproponetelo anche su Facebook. Volete aumentare la reach organica grazie all’hashtag? Avete sbagliato social network.

Gli hashtag su Facebook aiutano solo a livello di #branding

INSTAGRAM

In questo caso potete abbondare: Instagram non penalizza l’uso di hashtag, ma lo incoraggia. L’importante è evitare hashtag troppo utilizzati (es: #follow4follow, #food, ecc…) e puntare su parole chiave più attinenti alla propria nicchia e alla fotografia postata.

I post di #Instagram con più di 11 hashtag ricevono una maggiore interazione #smm

GOOGLE+

Questo social, utilizzato ormai quasi esclusivamente a fini SEO, aggiunge automaticamente gli hashtag ai propri status, lasciando però agli utenti la possibilità di personalizzarli. Anche in questo caso sceglieteli oculatamente e non utilizzatene troppi, per evitare penalizzazioni: ricordate sempre che Google indicizza tutti gli hashtag inseriti all’interno del proprio social network.

L’uso di hashtag su #Google+ ha effetti positivi sulla SEO #smm

PINTEREST

L’utilizzo in questo caso è discrezionale, come nel caso di Google+. Pinterest indicizza per il suo modulo di ricerca tutte le parole contenute all’interno della descrizione, quindi non è necessario agire su quelle. Aggiungerne altri hashtag (non troppi) alla fine della descrizione aiuta però a rendere il pin visibile senza intaccare il senso logico della didascalia.

Utilizzare hashtag su #Pinterest aiuta a migliorare la visibilità nei risultati di ricerca #smm
Volete tenere questi dati sottomano? Abbiamo creato una semplicissima infografica che raccoglie gli effetti nei principali social network.
Come usare gli hashtag sui social network